Giuseppe Calabrese è un vignaiolo di Saracena, piccola cittadina ai piedi del Pollino, dove, da una decina d’anni, coltiva quattro ettari a conduzione biologica. In vigna opera con profondo rispetto della natura e in cantina produce, con passione artigianale, vini della tradizione del territorio. Qui regna il moscato di Saracena, vitigno aromatico che dà vita all’omonimo vino dolce. Ma anche il magliocco, al quale Giuseppe negli ultimi anni si è dedicato molto. A completare il quadro dei vitigni autoctoni guarnaccia e malvasia, dai quali viene prodotto un interessante bianco di montagna.

Anno di fondazione: 2007
Proprietà: Giuseppe Calabrese
Conduzione enologica: Giuseppe Calabrese
Conduzione agronomica: Giuseppe Calabrese
Bottiglie prodotte: 10.000
Ettari vitati: 4
Vendita diretta: Sì
Visite in azienda: No
Viticoltura: Biologica

Sito Web

DAIPASTINI 2016
Bianco – Guarnaccia 70%, Malvasia 30% – Alc. 13,5% – € 10 – Bt. 1.000
Il giallo è quasi dorato, luminoso e intenso. Al naso esprime con immediatezza la pesca matura e succosa, l’albicocca del Vesuvio e poi il latte di cocco e la mandorla. Il palato è di un vino fresco in equilibrio con calore e rotondità, dove anche la sapidità fa la sua parte. Finale agrumato. Matura in acciaio per 6 mesi. Lagane e ceci.

Giuseppe Calabrese

340 6023820

info@giuseppe-calabrese.it

Via Santa Maria Maddalena, 258 - 87010 Saracena (CS)

PEPPINA MOSCATO DI SARACENA 2016
Bianco Passito – Guarnaccia 30%, Malvasia 30%, Moscato 20%, Odoacra 20% – Alc. 14% – € 18 – l 0,375 – Bt. 1.500
Il colore ricorda il topazio e la sua luminosità. L’olfatto è avvolgente e pulito, intarsio di odori che ci portano all’albicocca disidrata e al miele di sulla, poi è crema e vaniglia insieme a zafferano e fichi secchi. Sfacciatamente dolce ma attraversato da una vena di freschezza che gli dà una sottile leggerezza. Finale persistente. Acciaio per 12 mesi. Amaretti morbidi alle mandorle.

Condividi