Quasi un secolo di storia testimonia la lunga passione che ha caratterizzato la famiglia Malena nel coltivare vigneti a Cirò. I fratelli Antonio e Cataldo hanno rinverdito tale tradizione, infondendo all’azienda un piglio imprenditoriale e commerciale che sta facendo conoscere l’ampia gamma dei vini anche fuori dai confini nazionali. La moderna cantina, immersa fra i vigneti e il mare, ha dato la svolta qualitativa desiderata ai vini, che interpretano il territorio in modo tradizionale, con la valorizzazione del gaglioppo per rossi e rosati e del greco bianco per i bianchi.

Anno di fondazione: 2013
Proprietà: Famiglia Malena
Conduzione enologica: Michele Barulli
Conduzione agronomica: Antonio Molinaro
Bottiglie prodotte:214.000
Ettari vitati: 16
Vendita diretta:
Visite in azienda: Sì
Viticoltura: Convenzionale e biologica

Sito Web

CIRÒ ROSSO CLASSICO 2015
Rosso Doc – Gaglioppo 100% – Alc. 13,5% – € 5 – Bt. 70.000
Un bel granato che tende all’aranciato con una consistenza che rispecchia la tipicità. Il naso è vivace e complesso: si fanno largo la frutta sotto spirito e la delicatezza delle viole appena appassite, sbuffi di cannella e il cacao in polvere. Chiude con balsamicità e una succosa radice di liquirizia. In bocca ha morbidezza e freschezza ben amalgamate, palato pieno e finale in sintonia. Fermenta e matura in acciaio per 12 mesi. Trippa alla romana.

Malena

0962 31758

info@malena.it

SS 106 - Località Petraro - 88811 Ciro Marina (KR)

CUTURA DEL MARCHESE 2014
Rosso Igt – Gaglioppo 100% – Alc. 15% – € 27 – Bt. 5.000
Veste rubino scuro pieno. Bouquet dall’impatto sicuro che si apre su confettura di visciole, petali di rose, cacao e tabacco, una pennellata di legno di cedro e chiodi di garofano. Il sorso è succoso e gratificante, di buon equilibrio, con tannino garbato e un finale che rimanda a delicate tostature. Matura per 12 mesi in acciaio, a seguire altri 24 in rovere francese. Cinghiale alle olive.

PASSUS 2013
Bianco Igt Passito – Greco bianco 100% – Alc. 15,5% – € 15 – Bt. 1.000
Ambra abbagliante, lento nel calice. Naso di sole, fichi secchi e datteri, miele di castagno, zagara e torrone alle mandorle, zafferano e uva sultanina. All’assaggio è un dolce che non stanca, permeato da una vena di freschezza e sapidità che dà al vino una rimarchevole persistenza. Le uve rimangono sui graticci per 3 mesi; seguono 12 mesi in legno. Gubana.

Condividi